Galapagos, mondo animale. Isla de San Cristobal. Parte 2

Come già accennato, questa seconda parte è dedicata al ricordo di alcune tappe del tour 360° di San Cristobal, che ha portato me e altri bravi compagni alla volta delle zone più selvagge dell’isola, altrimenti irraggiungibili (almeno per noi visitatori). L’escursione, che consiglio fortemente, si prenota in una qualsiasi agenzia delle principali cittadine dell’arcipelago. Buona visione!

La formazione rocciosa “Kicker Rock” o “Leon Dormido”, chiamata così perché la sua sagoma ricorda quella di un leone marino spiaggiato, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019).
Attraverso Kicker Rock, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019).
Un leone marino fa le bolle nei dintorni di Kicker Rock, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019). Alla fine di una sessione di snorkeling a Kicker Rock sto nuotando per tornare in barca, quando noto qualcosa di grosso galleggiare in superficie in prossimità della formazione rocciosa. Mi stacco un attimo dal gruppo e mi avvicino incuriosito. Mi rendo subito conto che è un leone marino a pancia all’aria, che, non appena si accorge della mia presenza si avvicina incuriosito alla cupola anteriore della mia fotocamera. Vedendolo avvicinare premo immediatamente il pulsante di scatto per ottenere un bel ritratto, in contemporanea lui espira rilassatamente creando un bel flusso di bolle, donando così all’immagine un tocco magico.
Sule dalle zampe rosse a riposo in superficie tra una discesa per il pesce e l’altra, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019). Nel tragitto che da Leon Dormido ci porta verso il nord dell’isola, ad un tratto ci troviamo al centro di un vero e proprio campo di battaglia, che vede protagonisti pellicani, sule e fregate alle prese con la caccia al pesce.
Una sula zampe rosse in perlustrazione sul mare, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019).
Lenin, la nostra brava guida, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019).
Bahia sardina, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019). Tappa molto interessante dell’escursione, questa spettacolare curva di sabbia affiancata da monti color nocciola, è un luogo incontaminato a nord di San Cristobal, le cui acque sono ricche di vita marina. I leoni marini qui possono banchettare e successivamente riposarsi sugli scogli.
Un fittissimo banco di sardine a Bahia Sardina, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019). La baia deve il suo nome alla numerosa presenza di questi pesci nelle sue acque.
Incontro ravvicinato con una tartaruga marina a Bahia Rosa Blanca, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019). Come Bahia Sardina, anche Rosa Blanca conserva un’anima selvaggia. Questa baia si trova al centro della costa orientale di San Cristobal e le sue acque pullulano di tartarughe e di squali pinna bianca.
Squali pinna bianca in una piscina naturale di Bahia Rosa Blanca, Isla San Cristobal, Galapagos (2019). Indubbiamente uno dei luoghi più straordinari di tutto il viaggio, questa conca d’acqua del diametro di una ventina di metri e profonda non più di quattro, ospita decine di squali pinna bianca, che vi hanno accesso dal mare tramite un piccolo corridoio sommerso. Non so di preciso il motivo di tanto interesse, forse la presenza di una caverna, dove questi pesci gradiscono solitamente riposare durante le ore diurne. Questi squali sono lunghi all’incirca un metro e mezzo, sono innocui e molto schivi, anche se in questo caso, grazie al basso fondale, è stato possibile avvicinarmi parecchio.
Squali pinna bianca in una piscina naturale di Bahia Rosa Blanca, Isla San Cristobal, Galapagos (2019)/2.
Un gruppo di “grunt fish” in una piscina naturale di Bahia Rosa Blanca, Isla San Cristobal, Galapagos (2019). Questi grossi pesci convivono con gli squali pinna bianca in questa particolare conca d’acqua.
Resti di un volatile a Bahia Rosa Blanca, Isla de San Cristobal, Galapagos (2019).

 

Grazie della visita, apprezzamenti, commenti e condivisioni sono graditi.

A presto con l’ultima isola della Galapagos!

2 Responses

  • Bonjour, encore un beau voyage et de belles photos du Galápagos mais une météo fraîche non ?
    J’ai fait un beau voyage aussi à Bornéo avec les Orangs-outans sauvage, les singes Nasique, tarentule, lantern bug, araignées de toutes sorte, dauphin d’eau douce et au Sulawesi 10 plongées Macro à Lembeh 6 à Bunaken tortues, corail, etc…
    Serge

    • Bonjour Serge, je suis content que vous ayez apprécié Bornéo et l’île de Sulawesi. J’y retournerais volontiers! Fantastiques dauphins d’eau douce, où les avez-vous vus? Avez-vous rencontré le babouin noir sulawesi? Avez-vous déjà publié des photos sur ArtSud? Je ne les ai pas trouvés. À bientôt!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *